Sondaggio: Il 60% degli investitori Bitcoin morirà con il loro BTC se il prezzo rimane sotto i 10.000 dollari

Sondaggio: Il 60% degli investitori Bitcoin morirà con il loro BTC se il prezzo rimane sotto i 10.000 dollari

Circa il 60% degli investitori di bitcoin sono disposti a tenere le loro monete fino alla morte se il prezzo non riesce a superare il livello chiave di 10.000 dollari.

Questo secondo un sondaggio su Twitter di Peter Schiff

Il gold-bug ha chiesto a bitcoin „hodlers“:

„Per quanto tempo ancora il prezzo di #Bitcoin deve rimanere al di sotto dei 10.000 dollari prima di gettare la spugna e vendere?

A circa 7 ore dalla scadenza del sondaggio (all’ora della stampa), quasi 26.000 persone hanno risposto. Almeno il 58% ha detto che terrà il cripto superiore per tutto il tempo che conta, anche se questo significa portarselo nella tomba.

Un altro 15%, ovvero 3.900 persone, ha detto che ci vorrà un anno prima che decidano di venderlo. Circa il 14% degli intervistati ha detto che si „sposterà“ per altri tre anni e il 13% per il prossimo decennio prima di decidere di abbandonare le proprie posizioni.

Sembra insondabile che qualcuno muoia volentieri tenendosi stretto il caro Bitcoin Era perché il prezzo è rimasto al di sotto della soglia psicologica dei 10.000 dollari. Piuttosto, è più plausibile che il risultato del sondaggio di Schiff dimostri la fiducia che gli investitori nutrono nei confronti di BTC, anche se il prezzo è in difficoltà.

I tori Bitcoin hanno faticato a guadagnare slancio

I tori Bitcoin hanno faticato a guadagnare slancio da quando la rete Bitcoin ha programmato il taglio dell’offerta dell’11 maggio – l’evento è stato considerato da molti come un potenziale punto di svolta per un breakout rialzista. Precedenti eventi di questo tipo hanno portato ad un grande rally. Il doppio del prezzo di BTC ha superato i 10.000 dollari e il doppio è stato rifiutato, a un certo punto fino a 8.600 dollari.

Oggi, BTC è scambiata a 9.248 dollari, in calo dello 0,9% nelle ultime 24 ore, secondo i dati di markets.Bitcoin.com. L’obiettivo immediato è quello di superare i $10.000 e rimanere lì. Gli analisti considerano questo livello importante per scatenare il tanto atteso rally dei prezzi di BTC.

Secondo Chainlysis, una società di analisi dei dati crittografici, la maggior parte degli investitori di BTC non vuole vendere i propri beni perché li considera oro digitale.

Dei 18,6 milioni di BTC estratti a giugno 2020, circa il 60% è detenuto da entità – persone o imprese – che non hanno mai venduto più del 25% del bitcoin che hanno ricevuto.

L’azienda afferma che solo 3,5 milioni di bitcoin, ovvero il 19% dell’offerta totale in circolazione, sono attivamente commercializzati in tutto il mondo. Un altro 20% della fornitura di bitcoin esistente non si è mossa dal suo attuale insieme di indirizzi in cinque anni o più – quello che Chainalysis ha chiamato „bitcoin perduto“.